“Allerta gialla” tutti i giorni e poi c’è quasi sempre il sole? La precisazione della Protezione Civile

Il bollettino di allerta meteo emesso dalla Protezione Civile è tutt’altra cosa rispetto alle previsioni del tempo per la gita fuori porta. I bollettini hanno validità 24 ore dalle 00.00 alle 24.00 di ogni giorno e vengono spediti tutti i giorni dalla protezione civile regionale a tutti i Sindaci della Calabria intorno alle 12.30-13.00 come “bollettino previsionale” per il giorno successivo.

Quello che interessa delle previsioni meteo alla protezione civile non è “se piove” ma “come piove”: magari durante le 24 ore possono esserci 23 ore e 45 minuti di bellissimo tempo (con un sole che spacca le pietre nelle ore diurne) e poi nei restanti 15 minuti della giornata si possono scaricare enormi quantitativi di acqua in aree molto ristrette, le tipiche celle temporalesche estive, intense e imprevedibili nella loro evoluzione (quelle che qualcuno definisce volgarmente “bombe d’acqua”), che saturando rapidamente i terreni determinano alluvioni e frane, e possono mietere morti. E questo è avvenuto, in piena estate, in occasione dei tragici eventi delle alluvioni di Vibo (3 luglio 2006), di Soverato (inizio settembre 2000), Rossano (12 agosto 2015) e Civita (20 agosto 2018).

In Calabria, specialmente negli ultimi anni, probabilmente per i fenomeni di tropicalizzazione del clima, sono stati temporali estivi a mietere vittime, più delle le precipitazioni invernali. Ecco perché durante l’estate vengono diramati frequenti bollettini di allerta meteo gialla previsionale, che corrispondono per i Sindaci con la fase operativa di attenzione: in pratica si dice ai Sindaci fate attenzione perché nel vostro territorio comunale si possono verificare temporali estivi che, oltre a generare lampi e vento forte, possono saturare i terreni e, nei punti più vulnerabili del territorio (dove ad esempio c’è un argine fluviale rotto, o dove c’è un sottopasso allagabile, o dove c’è un fiume interrato), possono provocare morti.

Questi cosiddetti “punti di criticità” in caso di allerta gialla (oppure arancione o rossa) – come recita la Nuova Direttiva Allerta Meteo pubblicata dalla Regione Calabria a fine dicembre scorso – dovranno essere monitorate dai vari comuni. Quindi, si consiglia vivamente chi vuole programmare la gita fuori porta, di non prendere il bollettino previsionale di allerta meteo come riferimento.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati