Ancora sui Magi

 Come nasce un evento culturale? Ci vuole un’idea, e nasce da una conversazione tra S. E. Bertolone, il nostro arcivescovo, e U. N., dopo il convegno su san Francesco di Paola: dare vita a qualcosa di teatrale, contaminato di musica, canto e parole; e su un argomento poco frequentato: i Magi. Alla benevola accoglienza di S. E., U. N. si mette a scrivere; e intanto attiva l’A. D. O. L. (Amici dell’opera lirica) di Catanzaro, e il suo presidente Daniele Tommaso Mellace. Si discute di come contemperare le tre arti; e di una non semplice logistica.

 L’A. D. O. L. si adopera, con successo, per ottenere il sostegno del Comune di Catanzaro; e schiera le sue forze canore: lo stesso Mellace, e Fernanda Iiritano; e Serena Mustari e Amedeo Lobello. L’aspetto recitativo, U. N. lo affronta con l’aiuto di Pino Vitaliano, ormai sperimentato attore; e di Anna Rotundo e Lucia Scuteri, quest’ultima scortata da tre giovani del Centro calabrese di solidarietà.

 Appare luogo ideale la bella chiesa del Monte, dall’ottima acustica; e si trova la piena disponibilità dei PP. Cappuccini.

 Restava una componente importante di ogni rappresentazione: il pubblico; che non è affatto mancato, e, numeroso e qualificato, ha davvero riempito la chiesa, mostrando infine il più caldo apprezzamento. Se n’è fatto interprete S. E. Bertolone, riservando a musicisti, cantanti e attori parole di apprezzamento; e invitandoli a darsi subito da fare per una manifestazione in occasione della S. Pasqua. Siamo tutti già al lavoro.
Intanto, per chi volesse riflettere, ecco il testo dei Magi

Ulderico Nisticò

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati