I due compari vogliono rifare l’Europa

Macron e la Merkel s’incontrano, e scoprono che le elezioni italiane hanno dato un chiarissimo segnale non so se contro l’Europa in generale, ma certo contro questa Europa; il che si aggiunge alla Brexit e alle posizioni di Austria, Ungheria, Slovacchia, Rep. Ceca e Polonia sui “migranti”; insomma, a difendere questa Europa sono rimasti solo loro due e, “per intervalla insaniae”, Juncker.

Ah, i due amiconi si sono accorti che “l’Italia ha sopportato il flusso migratorio”; e dopo che Macron ha sbarrato le frontiere a Ventimiglia e a Calais; e dopo che dei governi italiani europeisti hanno firmato la follia di Dublino.

L’Europa attuale è a un bivio: o si rifà, o muore. Cos’è, l’Europa attuale?

– un Parlamento europeo cimitero degli elefanti, i cui membri manco vanno, e riscuotono lo stipendio; e comunque non conta niente;
– una Commissione indicata dagli Stati, e che conta quanto contano gli Stati;
– un branco di burocrati non si sa da chi nominati, che manovra immani cifre di soldi;
– una politica estera in ordine sparso, ogni Stato per conto suo, e spesso uno contro l’altro;
– l’assenza assoluta di ogni ideale, idea, mito, sogno, poesia ispirati all’Europa: quando pensiamo all’Europa, il massimo che ci viene a mente sono i suddetti soldi.

Le elezioni italiane sono state chiarissime, con la vittoria (politicamente sostanziale al di là dei numeri e casi locali), di due forze critiche se non decisamente antieuropeiste: Lega e M5stelle; e a nulla sono valsi i, del resto, poco convinti appelli al “volemose bene”.

L’Italia ha bisogno di una classe politica che non beli di fronte al ritornello “ce l’ chiede l’Europa”; che sappia battere i pugni; che stracci Dublino; che imponga alle Regioni meridionali di spendere i denari che, obbiettivamente, manda l’Europa.
Alla fine, un governo italiano forte e spiccio potrebbe persino giovare alla stessa Europa. Se no, l’Europa farà la fine di tantissimi esperimenti campati in aria, tipo Cecoslovacchia o Iugoslavia.

Ulderico Nisticò

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati

 

One thought on “I due compari vogliono rifare l’Europa

  1. enrico ribuffo
    19/03/2018 at 17:43

    e ora che l’italia incomincia a sgridare quei due merkel e macron ma chi sono loro che vogliono comandare specialmente la francia un paese di ruffiani e ipocreti forza italia fatevi avantisbattete la scarpa sul tavolo come kruchev e non come le pecorelle la diplomazia con loro uguale 0.