Il Comitato non si ferma

I sindaci e il comitato

 25 gennaio 2017, fattiva riunione del Comitato Trasversale, con la partecipazione delle Amministrazioni comunali di Chiaravalle, ospitante, e di Argusto, Cardinale, Fabrizia, Gagliato, S. Vito I., Satriano, Torre R.;  quelle di Davoli, Mongiana, S. Nicola da Crissa, Vazzano, impegnate nei gravi problemi di questi giorni, hanno confermato l’adesione, che si è arricchita della gradita presenza del sindaco di Serra, partecipante per la prima volta. Chi scrive rileva l’assenza, fin dall’inizio delle attività del Comitato, sia dell’Amministrazione sia dell’opposizione consiliare di Soverato, evidentemente disinteressate alla strada. Centro(destra), non pervenuto.

 Uno spiegamento di forze imponente, quello del Comitato esteso ai sindaci, che si fa rispettare per la compostezza e decisione, senza mai si scada in retorica piagnona o magniloquenza barocca, che sono i mali atavici delle di solito inutili riunioni calabre! A riprova, il sindaco di Chiaravalle, Donato, annunzia che l’ANAS intende tenere a Chiaravalle una riunione dei sindaci per discutere della strada. Il Comitato parteciperà all’incontro.

 È stato tuttavia firmato dai sindaci un documento che chiede con forza all’ANAS un confronto: fidarsi è bene…

 Si è discussa con particolare attenzione la questione della Gagliato – 106. Il sindaco di Satriano, Drosi, in questo caso anche come esponente della maggioranza regionale, ha riferito dell’ipotesi di utilizzare l’attuale viabilità, migliorandola; e riconoscendo cortesemente essere, fin dall’inizio, l’idea di U. N.

 Si spenderebbero così 30 milioni, che forse esistono; mentre, ha chiosato chi scrive, non sono parimenti esistenti i troppi milioni per un tracciato ex novo. Meglio che niente: migliorare l’attuale provinciale 148; aprire un tratto da Turriti alla rotatoria Satriano – Davoli della 106. Basta già questo per facilitare i rapporti tra la costa e le zone collinari e montane del Golfo di Squillace.

 Il Comitato e i sindaci restano dunque sul chi vive, vedendo nella strada una risorsa preziosa per la valorizzazione delle aree interne dal punto di vista economico, turistico e culturale.

Ulderico Nisticò

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati