Interrogazione del Sen. Nicola Morra sul Consiglio Comunale di Soverato

Interrogazione a risposta scritta del Senatore del Movimento 5 Stelle Nicola Morra al Ministro dell’interno

nicolamorraPremesso che:

il 6 ottobre 2015 è stato pubblicato, sul giornale online soveratounotv.com, un articolo di Giulio Moraca in cui si denuncia la condotta tenuta nel corso delle sedute Consiliari del Comune di Soverato. In particolare nella seduta del Consiglio Comunale del 30 settembre 2015 sarebbe stato negato il libero esercizio delle proprie funzioni al Consigliere di minoranza, Francesco Severino;

nel corso della suddetta seduta si è dato “diritto d’intervento e critica al pubblico presente, ove si è discusso in modo sgarbato ed offensivo per la maggior parte del tempo su argomenti inesistenti all’ordine del giorno, e si è dovuto assistere praticamente in silenzio al tifo da corrida imbastito da una claque di disturbatori nel pubblico” (soveratounotv.com, 6.10.2015);

sembrerebbe che il Presidente del Consiglio comunale abbia lasciato che venisse, di fatto, bloccata la seduta del Consiglio stesso non consentendo lo svolgimento dei lavori e del dibattito politico;

ad avvalorare quanto appena esposto nell’articolo citato, Moraca, scrive: “Il Presidente del Consiglio non ha ritenuto di rispettare l’ordine dei lavori che lui stesso aveva dato, consentendo la bagarre andata in scena per la quale, tra l’altro, il consigliere di minoranza Francesco Severino è stato costretto ad abbandonare l’aula: tutte le volte che lo stesso avviava il proprio intervento al pubblico presente veniva permesso di manifestare il proprio “legittimo” dissenso, interrompendo e ostacolando l’intervento del consigliere”;

considerato che:

lo Statuto del Comune di Soverato, consultabile sia sul sito internet dello stesso e che su quello del Ministero dell’interno, all’art. 14 sancisce quanto segue: “I Consiglieri Comunali rappresentano l’intera comunità ed esercitano le funzioni senza vincolo di mandato” […] I Consiglieri hanno diritto d’iniziativa su ogni oggetto di competenza del Consiglio.”;

considerato altresì che:

il medesimo Statuto all’art. 15 (Prerogative delle minoranze consiliari) dispone: “Le norme del regolamento di funzionamento del Consiglio Comunale devono consentire ai Consiglieri appartenenti ai gruppi delle minoranze consiliari l’effettivo esercizio dei poteri ispettivi e di controllo e del diritto d’informazione sull’attività e sulle iniziative del Comune, delle Aziende, Isitutuzioni e degli enti dipendenti”;

inoltre il suddetto Statuto all’art. 18, nel definire le attribuzioni del Presidente del Consiglio Comunale, stabilisce: “Il Presidente del Consiglio esercita le sue funzioni con imparzialità, nel rispetto delle prerogative del Consiglio e dei diritti dei singoli Consiglieri”;

si chiede di sapere:

se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa;

se intenda attivarsi presso l’Amministrazione competente affinché sia data la possibilità ai rappresentanti dei cittadini di Soverato di svolgere le proprie funzioni in seno al Consiglio Comunale di Soverato.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati