Mater Domini di Catanzaro – Concorso pubblico per 102 Oss e 65 Infermieri

Pubblicate le prime indicazioni sui due concorsi dell’azienda ospedaliero universitaria Mater Domini di Catanzaro: in palio ci sono in tutto 167 posti, 102 destinati ad operatori socio sanitari e altri 65 per gli infermieri. Le domande andranno presentate esclusivamente per via telematica attraverso un’apposita sezione del sito della Mater Domini entro trenta giorni dalla pubblicazione dell’avviso in Gazzetta Ufficiale.

Tutte le domande saranno accolte con riserva nella fase preliminare, al termine della quale saranno selezionati i primi 600 delle due graduatorie di oss e infermieri che verranno ammessi alla procedura concorsuale vera e proprio. Per gli oss, la commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti: 40 punti per i titoli (15 per i titoli di carriera; 5 per i titoli accademici di studio; 5 per i pubblicazioni e titoli scientifici; 15 per i curriculum formativo e professionale) e 60 punti per le prove d’esame (30 punti per la prova pratica e 30 per quella orale).

Per gli infermieri, la commissione dispone complessivamente di 100 punti così ripartiti: 30 punti per i titoli (15 per i titoli di carriera; 6 per i titoli accademici di studio; 3 per pubblicazioni e titoli scientifici; 6 per curriculum formativo e professionale) e 70 punti per le prove d’esame (30 punti per la prova scritta; 20 punti per la prova pratica e 20 punti per l’orale).

Per entrambi i concorsi opera la riserva in favore del personale già impiegato nelle strutture sanitarie e ospedaliere: 33 posti sui 102 degli oss e 32 su 65 degli Infermieri. La riserva si applica per tutti coloro che sono in servizio alla data del 01/01/2016, che abbiano maturato alla data di pubblicazione del bando almeno tre anni di servizio – anche non continuativi – negli ultimi cinque anni con contratti a tempo determinato, con contratti di collaborazione coordinata e continuativa o con altre forme di rapporto di lavoro flessibile presso Enti o Aziende del Servizio sanitario nazionale.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.