Memorie scolastiche

Il Liceo Scientifico di Chiaravalle è in assoluto il primo istituto della Calabria; il Liceo Salesiano, il primo dei Classici.
Come faccio a non dirlo? Io ho studiato dai Salesiani dalla V elementare alla maturità; e ho insegnato due anni da titolare al Ginnasio tutte le materie, e nove da “spezzonista” latino e greco. A Chiaravalle, dopo un anno d’incarico, sono arrivato nel 1986, e lì rimasto fino alla pensione, nel 2011: hic manebimus optime!

Come fa, una scuola, ad eccellere? E qui lasciatevelo dire da un ormai vecchissimo professore: non eccelle solo e nemmeno soprattutto perché un prof sa meglio di un altro la matematica e il perfetto medio; certo, tutte cose importanti, che però un prof non eccelle se le sa, le deve sapere per contratto e mestiere, e se non le sa è abusivo. Una scuola eccelle se eccelle tutta: buona dirigenza; bravi professori; edifici funzionali; igiene; ordine non oppressivo e disciplina condivisa; esempi dall’alto; rapporti cordiali con gli studenti senza sbracarsi; attrezzature; certezza dello svolgimento delle lezioni; servizi di segreteria e collaboratori; giusto spazio alle attività culturali, teatrali, sportive, senza progettifici…

E soprattutto se regna un’aria di serenità, per cui tutti facciano volentieri il loro lavoro; e se si evita ogni sciocca e plebea rivalità tra professori; e se i professori tutti lasciano fuori dalla porta le loro appartenenze partitiche o di altra natura; e i personali impicci e guai.
Il Liceo Scientifico di Chiaravalle e il Liceo Classico Salesiano sono, con tutti i limiti umani, dei buoi esempi da seguire.

Ulderico Nisticò