Nando Giardini e gli 88

  Con Nando Giardini se ne va un’epoca. Politico coraggioso, quando dichiararsi del MSI era davvero un rischio; e attivo, con una presenza in Consiglio regionale ben diversa dalla connivenza di fatto con Oliverio di certi di oggi; e una rara capacità di coltivare il cameratismo in tutti i sensi, anche personale.

 Per tutti, però, Nando era uno degli Ottantotto, i giovani fascisti calabresi che tentarono, nel 1944, un’opposizione armata agli occupanti angloamericani.

 Li ispirava e guidava un personaggio assai particolare, il principe Valerio Pignatelli, che a sua volta prendeva a modello un avventuriero suo antico avo, ufficiale e amico di Murat.

 Ci sono delle pubblicazioni sull’argomento, che ricostruiscono in buona parte la vicenda, a cominciare dall’elenco degli Ottantotto, non proprio sicurissimo; e dalle vicende umane che videro poi alcuni di loro rimanere nel mondo neofascista e nel Movimento Sociale; e altri prendere diverse strade. Furono anche loro uno specchio delle contraddizioni italiane tra il 1943 e il 46.

 Gli insorti vennero arrestati e processati, subendo delle dure condanne, finite, come quasi tutte quelle di fascisti e di antifascisti, con l’amnistia Togliatti. Tutte le guerre civili della storia finiscono in due modi: o una parte fa strage dell’altra; o l’amnistia e oblio di fatto riportano una specie di pace.

 Giardini “entrò nella vita”, nella funzione importante di direttore amministrativo dell’Ospedale di Catanzaro; e militò nel MSI, dove ebbe moltissimi amici e qualche ostinato nemico.

 Consacrò alla sua esperienza giovanile un libro di successo, “Bocca di lupo”, in ricordo della buia finestra della prigione.

Ulderico Nisticò

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati

 

One thought on “Nando Giardini e gli 88

  1. 10/09/2018 at 11:19

    Un fascista boia assasino topo di fogna in meno! Che bruci nelle fiamme dell’inferno…