Prometteva assunzioni in cambio di denaro, ai domiciliari dipendente del Pugliese-Ciaccio

Nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Catanzaro, i carabinieri della sezione di Polizia Giudiziaria, hanno eseguito ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal GIP del locale tribunale su richiesta della Procura della Repubblica, per il reato di millantato credito nei confronti di F. P., dipendente dell’A.O. “Pugliese- Ciaccio” di Catanzaro.

L’indagine trae origine da denunce-dichiarazioni attraverso le quali l’uomo, millantando conoscenze in vari settori lavorativi, avrebbe promesso, in cambio di denaro, assunzioni quali O.S.S. nella sanità pubblica, nel settore vigilanza privata o in altri enti.

Le persone cadute nella rete, allettate dalla prospettiva di un impiego stabile, sono state disposte a versare somme di denaro che in alcuni casi recuperavano dalla vendita di beni immobili ceduti anche a basso prezzo rispetto ala valutazione di mercato, oppure dalla vendita di oggetti preziosi o dal disinvestimento di risparmi.

Le successive investigazioni avrebbero permesso di riscontrare le dichiarazioni rese dalle persone truffate che potrebbero essere anche in più rispetto a quelle sinora individuate atteso che era lo stesso dipendente a sollecitare il “passaparola”.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati