Scoperta rete di spaccio, usura ed estorsioni. 60 misure cautelari

“Terra Bruciata” è il nome dato all’operazione dei carabinieri e dei finanzieri dei Comandi provinciali di Cosenza in corso tra le province di Cosenza e Vibo Valentia, per l’esecuzione di una ordinanza di misura cautelare nei confronti di 60 soggetti, 57 dei quali colpiti dalla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Cosenza e 3 da quella del divieto di dimora nello stesso comune. Con l’operazione è stata disarticolata una fitta rete di soggetti dediti allo spaccio di droga, all’usura e all’estorsioni.

I provvedimenti sono stati emessi dal Gip di Cosenza su richiesta della Procura. All’operazione, condotta col supporto dei militari del Nucleo cinofili carabinieri di Tito (Potenza) e di quello dello Squadrone eliportato carabinieri Cacciatori di Vibo Valentia, hanno partecipato oltre 300 tra carabinieri e finanzieri. La Guardia di finanza sta procedendo, contestualmente, al sequestro di beni mobili e immobili posseduti da alcuni degli indagati per la somma complessiva di 50.000 euro ritenuta provento dell’attività illecita.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.