Soverato – L’imprenditore Antonio Ranieri rinviato a giudizio per minacce e diffamazione

Antonio Ranieri, ultrasessantenne, imprenditore nella nautica da diporto, è stato rinviato a giudizio dal Gup di Catanzaro, giudice Ciriaco. Il Ranieri con condotte reiterate avrebbe minacciato e diffamato, attraverso l’uso del social network Facebook, il Fratello Pietro ed i nipoti Salvatore e Antonio, titolari della Ranieri International, azienda affermatasi nella nautica da diporto a livello globale è presente nelle più prestigiose fiere del settore.

L’imputato sì e altresì reso responsabile di calunnia e diffamazione ai danni del Maresciallo Di Cello, per diversi anni comandante della stazione dei Carabinieri di Soverato è molto conosciuto nella cittadina Ionica. Quest’ultimo episodio, consumatosi notte tempo presso la discoteca Mama’s, fu oggetto di un video poi divenuto virale.

Nei giorni scorsi il maresciallo Di Cello, i signori Ranieri e la società Ranieri International hanno avanzato ed ottenuto formale costituzione di parte civile, assistiti dagli avvocati Fabrizio Costarella e Michele Gigliotti. Il processo inizierà il 25 febbraio 2019.

Nell’agosto del 2015 i signori Ranieri avevano lanciato un appello alle istituzioni affinché potessero cessare gli atti intimidatori, che fino all’estate appena trascorsa hanno turbato il management di un’azienda che rappresenta un’eccellenza calabrese nel mondo e conta oltre 100 dipendenti.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati