A Taverna una mostra sui Maestri del Seicento “Forme magnifiche” e “gran pieghe dé panni”

Il Museo Civico di Taverna ha in programma l’apertura al pubblico (30 marzo – 30 giugno 2019) una nuova grande mostra a cura di Giuseppe Valentino, Direttore Museo Civico di Taverna e Giuseppe Porzio, Università degli studi di Napoli “L’Orientale”, con la quale s’intendono focalizzare le significative istanze storiche del secolare rapporto culturale tra Napoli Capitale del Regno e la Calabria.

Al progetto ha aderito per il coordinamento scientifico l’Università di Napoli “L’Orientale” e con una serie di pregevoli opere concesse in prestito: i Poli Museali di Campania e Calabria; il Museo Nazionale di Capodimonte; il Museo della Certosa di San Martino in Napoli; il Museo Civico di Napoli; il Museo Correale di Sorrento; la Galleria Nazionale di Cosenza e altre importanti Gallerie e Collezioni della città partenopea. La mostra è realizzata con il contributo della Regione Calabria – PAC CALABRIA 2014/2020.

Il titolo esplicativo della mostra: MAESTRI DEL SEICENTO – “Forme magnifiche” e “gran pieghe dé panni” Modelli e riflessi della maniera di Mattia Preti a Napoli, orienta il visitatore all’inusitato e affascinante percorso espositivo che potrà essere fruito nelle sale di Palazzo San Domenico ove sarà ricostruito, attraverso le opere di Maestri quali: Azzolino, Beinaschi, Brandi, Cavallino, Di Maria, Domenichino, Giordano, Lanfranco, Solimena, Spadaro, Stanzione e lo stesso Mattia Preti; l’ambiente artistico vissuto intensamente dal Cavalier Calabrese, in anni di formidabili esperienze formative, caratterizzati anche dallo stretto rapporto di committenza, proficuamente instaurato dall’antico sedile di nobiltà di Taverna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.