Abusivismo commerciale, due attività sequestrate

I carabinieri di Isola di Capo Rizzuto e Cirò Marina hanno eseguito negli ultimi giorni una serie di controlli nei confronti di diverse attività economiche con lo scopo di frenare il diffondersi di fenomeni di abusivismo commerciale e professionale.

In questo contesto, in un salone da barba di Cirò Marina hanno scoperto che in una stanza al primo piano dell’edificio c’era un 34enne del posto che adoperando inchiostri, pennini, aghi e prodotti disinfettanti, stava effettuando un tatuaggio a un cliente, sebbene fosse senza i titoli autorizzativi che devono essere rilasciati dalle Autorità competenti. In una officina meccanica, grande circa 150 mq, ad Isola Capo Rizzuto, invece, un 63enne del luogo stava riparando degli autoveicoli, pur non possedendo la Scia Comunale necessaria per l’apertura di attività commerciali.

Al termine dei controlli, la stanza usata come studio di “tattoo” col materiale ritrovato all’interno, così come l’autofficina, sono state sequestrate e i loro proprietari o conduttori segnalati agli Uffici Comunali per l’irrogazione delle sanzioni amministrative previste in questi casi. Le verifiche i questo particolare ambito, che seguono quelle già effettuate dai militari dell’Arma nel centro isolitano lo scorso maggio, proseguiranno, per scoraggiare imprenditori improvvisati che intraprendono attività commerciali senza alcuna autorizzazione.