Abusivismo in spiaggia, denunce e sequestri della Guardia Costiera

Nuova operazione della guardia costiera contro l’abusivismo in spiaggia. Nella mattinata di ieri personale della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia Marina e dell’Ufficio Locale Marittimo di Tropea, in collaborazione con il personale della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Vibo, ha eseguito ulteriori controlli alle strutture balneari presenti sul territorio.

In particolare, in località Baia di Riaci del Comune di Ricadi, spiaggia tra le più frequentate e apprezzate dai turisti che soggiornano lungo la “Costa degli Dei”, sono state nuovamente perseguite occupazioni abusive di arenile e, tramite un corridoio di lancio non autorizzato, anche di porzione di specchio acqueo.

Nel corso delle operazioni sono state deferite 2 persone alla competente Autorità Giudiziaria, mentre le attrezzature balneari sono state rimosse e sottoposte a sequestro. L’attività ha ricevuto il plauso e la riconoscenza da parte dei bagnanti.

Sempre nel Comune di Ricadi, in Località Tono, sono inoltre state accertate delle violazioni dell’ordinanza di sicurezza balneare della Capitaneria di porto di Vibo da parte dei gestori di due strutture balneari, per le quali sono stati elevati due verbali amministrativi. Nella giornata odierna le forze di Polizia hanno effettuato ulteriori sopralluoghi al fine di garantire ai bagnanti di poter usufruire della spiaggia libera.

Il Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia, Camillo Falvo, ha sottolineato che l’attività di contrasto all’abusiva occupazione delle spiagge, perpetrata da soggetti sprovvisti di qualsiasi titolo concessorio, proseguirà senza soluzione di continuità, al fine di consentirne la fruizione da parte della collettività.

A tal riguardo, informano in una nota, invita: “gli utenti del mare a non noleggiare attrezzature balneari da abusivi, evitando in tal modo di finanziare attività illecite; Inoltre invita a segnalare alla Procura e alla Guardia Costiera eventuali situazioni di abusivismo o che possano limitare la libera fruizione della balneazione”.

La serrata attività di controllo condotta dalla Guardia Costiera di Vibo Valentia segue gli interventi operati nei giorni precedenti sullo stesso territorio e si inserisce nella cornice ampia dell’operazione nazionale Mare Sicuro organizzata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera, finalizzata a garantire una stagione tranquilla a bagnanti e diportisti ed assicurare la libera fruizione degli arenili da parte dei cittadini.