Acqua minerale contaminata dallo stafilococco, quali sono i lotti a rischio ritirati dai supermercati

Il ministero della Salute ha disposto il ritiro di alcuni lotti di acqua minerale Fonte Valle Reale dai supermercati con denominazione di vendita Acqua Minerale Naturale Oligominerale 1,5 lt. Si tratta, nel dettaglio, di due lotti a rischio di contaminazione da Stafilococco aureo (Staphylococcus aureus). Questo tipo di batterio è potenzialmente pericoloso perché può dare origine a malattie anche gravi. Per questo motivo è stato disposto il ritiro dagli scaffali dei lotti potenzialmente contaminati.

Le confezioni in questione di acqua Minerale Naturale Oligominerale “Fonte Valle Reale” sono state prodotte negli stabilimenti di Gran Guizza SpA a Popoli (Pescara) nello stabilimento attivo in località Valle Reale sulla S.S. 17 e fanno parte dei lotti 10LB2202A e 08LB2208A da un litro e mezzo, con scadenza rispettivamente 20/01/2024 e 26/01/2024 venduta in confezioni PET x 6 bottiglie. Il consiglio, in caso di acquisto dei lotti segnalati, è di non consumare l’acqua e di riportare le confezioni nei supermercati.

Le infezioni da stafilococco aureo si contraggono generalmente da contatto fisico, spesso da mani contaminate, ed è in grado di sopravvivere nell’acqua. Le persone immunocompromesse, oltre a coloro che utilizzano dispositivi medici invasivi, sono quelle più a rischio di contrarre l’infezione. L’infezione da stafilococco aureo possono manifestarsi attraverso vari sintomi e malattie.

Come riportato dal sito dell’istituto di cura Humanitas, quelli principali sono: impetigine, eritema con bolle che scoppiano lasciando croste foruncoli, folicolite e carbonchio, sindrome di Ritter-Lyell, che si presenta con febbre, secrezioni oculari e vesciche osteomielite, che si presenta con febbre, andatura zoppicante e dolori alle ossa artrite settica, con febbre, eritema, difficoltà di movimento e dolore alle articolazioni accompagnato da sensazione di calore endocardite, con sensazione di malessere e febbre, polmonite, tromboflebite cellulite.

Solitamente le infezioni da stafilococco aureo guariscono da sole, senza il bisogno di trattamenti medici specifici. In altri casi, però, c’è bisogno di assumere antibiotici. In altri casi ancora, quando l’infezione è più grave e dà origine a polmoniti o infezioni del sangue, bisogna ricorrere alle cure in ospedale. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda ai consumatori per evitare qualsiasi tipo di problematica di controllare con attenzioni i lotti segnalati di acqua minerale. Nel caso in cui in casa si avessero una o più confezioni di acqua segnalate dal ministero della Salute, è bene riportare le confezioni nei supermercati.