Al Complesso Monumentale San Giovanni di Catanzaro lo spettacolo “Vetrine di Memoria”

L’Associazione “Compagnia dei Sognattori” in collaborazione con il gruppo musicale “Klerò Quintet” presentano “Vetrine di Memoria”.

Lo spettacolo non vuole essere soltanto un percorso della memoria per ricordare le vittime dell’olocausto e delle leggi razziali, bensì un monito per le generazioni di oggi e per quelle future, affinchè non si ripeta mai più l’orrore di cui l’uomo, in passato, è stato artefice.

Si vuole rappresentare grazie alla musica del quintetto Klerò e alle varie interpretazioni dei due attori, alcuni scorci di vita di coloro che subirono la deportazione, dalla decisione tedesca dello sterminio al viaggio fino ai campi, alle sevizie della deportazione, fino alla libertà dei sopravvissuti.

Fisarmonica, Violoncello, Pianoforte,Chitarra e Clarinetto si rincorrono lungo indaffarati virtuosismi, poi rallentano fino quasi a fermarsi, le note si distendono su di un letto di malinconia e poi ancora riprendono furiose a rincorrersi o a saltellare imitando una danza scomposta. Eccolo in breve, il capriccioso, malinconico ed esuberante mondo della musica klezmer, il suono polacco della tradizione ebraica.

Gli attori, (Rosanna Corradino e Antonio Pittelli), si caleranno, di volta in volta, nei panni delle tante vittime di questa immane tragedia interpretando ora i padri, ora le madri, ora i figli, ci faranno affacciare attraverso la loro recitazione, ai cancelli di Auschwitz per riconoscere il male che c’è stato.