Alberi sui binari, disagi sulla linea ionica

E’ tornato regolare dopo circa tre ore di stop dovute al maltempo il traffico ferroviario sulla linea ionica in Calabria. Le conseguenze per i treni del mattino hanno riguardato rallentamenti tra un’ora e due ore e mezzo per quattro regionali e un intercity, due regionali cancellati e tre limitati nel percorso. La circolazione era stata sospesa alle 6.15 fra Capo Spartivento e Brancaleone e alle 7.50 fra Siderno e Locri, sulla linea Catanzaro Lido – Reggio Calabria a causa della caduta di alberi sui binari provocata dalle forti raffiche di vento e dalla pioggia della notte. In particolare, il treno regionale 3662 con cinque viaggiatori a bordo è stato fatto retrocedere nella stazione di Capo Spartivento.

Alle 7.50 anche il regionale 3663, con a bordo nove passeggeri, è stato costretto a fermarsi in linea per la presenza di un albero sui binari, tra Siderno e Locri, ed è stato retrocesso a Siderno. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana per rimuovere gli ostacoli e ripristinare le normali condizioni di circolazione. Per garantire i collegamenti durante il periodo di sospensione del traffico ferroviario sono stati attivati servizi sostitutivi con autobus.

Nuova interruzione, inoltre, dalle 10.20 alle 11.10 sulla linea ferroviaria ionica a causa della caduta di un albero sui binari per il maltempo che ha imperversato su gran parte della Calabria. L’incidente si è verificato tra Bianco e Ferruzzano ed è stato il terzo della mattinata. Il Regionale 22474 (Reggio Calabria – Catanzaro Lido) con 7 viaggiatori a bordo ha atteso in linea l’intervento delle squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana inviate sul posto per la rimozione dell’ostacolo e il ripristino delle condizioni di percorribilità del tratto di linea. Sulla linea Battipaglia-Paola, invece, è ripartito dopo un’ora e mezza di stop il Frecciargento 8351, che ha investito un cavallo tra le stazioni di Pisciotta-Palinuro e Celle di Bulgheria, nel salernitano. Per i viaggiatori a bordo, rende noto Trenitalia, nessun danno, se non il disagio causato dalle necessarie attività di rimozione della carcassa da parte dei sanitari dell’Asl.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.