Anziana bloccata in casa per una fuga di gas, salvata dai carabinieri

Era rimasta chiusa all’interno del suo appartamento, a Gioia Tauro, ed era in pericolo di vita, per via di una fuga di gas. Questo quanto segnalato, da una chiamata giunta all’utenza 112 da parte di un privato cittadino, a rischiare era un’anziana signora di 86 anni. Subito i carabinieri della locale Stazione, una volta allertati, si sono recati sul posto, dove, nell’immediatezza hanno riscontrato che presso i locali dell’abitazione interessata, vi era stata un’ingente dispersione di esalazioni tossiche, provocati dal malfunzionamento di una stufa a gas.

Nell’attesa dell’arrivo dei vigili del fuoco, gli operanti si sono subito preoccupati delle condizioni di salute della donna, che alternando momenti di lucidità a stati confusionali, non era stata in grado di aprire il portone d’ingresso o di spalancare gli infissi, per permettere loro di accedere all’interno dell’appartamento.

A seguito di vari tentativi di introdursi nei locali, infine i militari hanno deciso di rompere il vetro della finestra dell’abitazione per consentire il ricircolo dell’aria, e successivamente dopo aver forzato la porta d’ingresso, hanno letteralmente tirato fuori la l’anziana signora di casa, traendola in salvo. Successivamente i carabinieri hanno atteso l’intervento dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Polistena, che ha consentito di mettere in sicurezza l’abitazione, e di personale del 118 che ha sottoposto in loco la donna, alle dovute cure sanitarie, constatando fosse “fortunatamente” in buone condizioni .