Badolato – Lettera aperta al Presidente Oliverio

badolato2Egregio Presidente Oliverio,

in qualità di ex sindaco di Badolato,di cittadino di questo meraviglioso paese nonché di calabrese, vorrei ringraziare l’On. Tallini  per l’impegno in difesa del nostro Comune, ed  esprimere la mia opinione in merito a quanto da lei affermato in occasione dell’inaugurazione del nuovo tratto della SS 208. Lo voglio fare a scanso di equivoci e fuori da ogni polemica, perché, vede, sono sicuro delle buone intenzioni che sottendono alle sue asserzioni. Intanto mi compiaccio del fatto che tra tanti Borghi che sono stati toccati dal fenomeno dello spopolamento (molti anche nella sua provincia, se non erro) lei abbia voluto ricordare proprio Badolato. Sicuramente lo avrà fatto memore di tutto ciò che Badolato ha rappresentato per l’Italia e, me lo lasci dire, per il mondo intero. Esempio di grande senso civico in occasione dell’accoglienza ai primi profughi sbarcati sulle nostre coste; pioniere e precursore delle attuali politiche di accoglienza; crocevia di culture che convivono rispettosamente insieme a dispetto di tutte le moderne teorie allarmiste. Probabilmente le è venuto in mente Badolato per la sua ricchezza di uomini e donne che hanno lottato per costruire la Storia di questo paese: una Storia nobile, fatta da menti fervide e da mani che si sono sporcate con la terra e con l’inchiostro. Gente che per rivendicare i propri diritti non ha esitato a scioperare “al rovescio”, costruendo strade laddove le Istituzioni avevano posto divieti (e su quelle strade si cammina ancora oggi).  Se è alla luce di tutto questo capisco il perché le sia venuto in mente Badolato e non un qualsiasi altro borgo, probabilmente ancora più spopolato e abbandonato. Se a ciò aggiunge anche il fatto che le infrastrutture, carenti sotto molti punti di vista, contribuiscono in modo rilevante all’isolamento di questi nostri borghi forse si può comprendere meglio il perché di questo abbandono. Proprio per questo le consiglio, e mi consenta l’ardire, di adottare tutte le politiche necessarie affinché questo non accada con il nostro capoluogo di Regione, già depredato di troppe opportunità: vede, noi poveri badolatesi ci siamo passati e sappiamo quanto tutto ciò possa essere triste.

La ringrazio ancora per aver voluto ricordare Badolato e, sperando che questo possa accadere anche in occasioni più favorevoli, le auguro buon lavoro ne avrà tanto bisogno per risollevare le sorti dei borghi abbandonati.

Gerardo Mannello

Ex Sindaco di Badolato

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.