Bimba di un anno e mezzo ingoia tappo di plastica, salvata al pronto soccorso

È arrivata al pronto soccorso con difficoltà respiratorie dopo aver ingoiato un tappo di plastica ed è stata salvata dal personale medico e paramedico del pronto soccorso di Soveria Mannelli. È successo nel corso del turno di ferragosto: due cittadini rumeni sono arrivati al Pronto Soccorso dell’ospedale del Reventino portando con sé la loro bambina di un anno e mezzo che respirava a stento avendo ingoiato un tappo di plastica. Il fatto è stato reso noto dal Presidente del Comitato pro Ospedale, Antonio Maida.

I sanitari, tra cui la dottoressa Emilia Pane, l’anestesista Adele Graziano e gli infermieri, sono stati impegnati per estrarre dalla gola il tappo in un soccorso simbiotico: l’intervento ha costretto i medici a sedare la bambina che, evidentemente, vista la tenera età, non collaborava. Così è stata illuminata la laringe e si è riusciti a cosa stesse accadendo: l’estrazione del corpo estraneo è stata quindi molto delicata e complessa, poiché il tappo era di traverso e i sanitari sono stati costretti ad operare con molta parsimonia.

Una volta estratto, la piccola è stata poi sedata e presa in consegna dai sanitari dell’elisoccorso che l’hanno trasportata a Catanzaro dove ora è ricoverata, le sue condizioni non destano problemi. “Finisce bene – ha commentato Maida – ancora una volta, un caso che poteva andare diversamente, probabilmente la presenza nel rinnovato pronto soccorso implementato dalla presenza del rianimatore ha permesso che tutto finisse per il meglio”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.