Cadavere recuperato in fondo ad un burrone, si teme sia di un 25enne

Ritrovato nelle campagne di Bisignano, nel Cosentino, il cadavere di un uomo in avanzato stato di decomposizione. La salma risulta irriconoscibile e sembrerebbe sia adagiata nel burrone, in una zona isolata estremamente impervia, da diverse settimane. Il corpo, che è stato recuperato dai Vigili del Fuoco, si trovava in un precipizio di oltre sei metri tra i Comuni di Acri e Bisignano, sulla strada che porta a Serricella.

Si teme possa trattasi di Luigi Fumarola, il venticinquenne scomparso da Bisignano i primi giorni di Luglio dopo essere stato visto per l’ultima volta in un bar del centro commerciale Il Castello. Nessuna certezza però sembrerebbe esservi sull’identità del cadavere in attesa dei rilievi necroscopici in base ai quali potranno esprimersi le autorità competenti.

Sul posto sono presenti i carabinieri e il medico legale per vagliare la dinamica che ha portato al decesso dell’uomo attualmente non identificato.