Calabrese muore a 40 anni e la famiglia dona gli organi, tre vite salve

Nella notte tra il 21 e il 22 aprile presso l’Ospedale Pugliese di Catanzaro è stato eseguito un prelievo multiorgano su un giovane donatore di 40 anni della provincia di Reggio Calabria. Grazie alla sua generosità e quella della sua famiglia è stato possibile salvare 3 vite.

L’equipe di prelievo di fegato del Centro trapianti dell’Ospedale Cisanello di Pisa, guidata dal Chirurgo Calabrese Fabio Melandro ha prelevato il fegato che poi è stato trapiantato a Pisa e ha permesso di salvare una donna in gravissime condizioni di salute.

I reni sono stati prelevati dall’equipe chirurgica dell’Ospedale Pugliese (dottor Cardona e dottor Manno). Il processo di donazione è stato coordinato dalla responsabile dell’Ospedale Pugliese, a Anna Maria Grande e dal direttore del Centro regionale Trapianti Calabria, Pellegrino Mancini. Da sottolineare come un processo molto delicato come quello della donazione degli organi è reso ancora più difficile dall’emergenza sanitaria in corso.