Carabiniere investito a Cosenza, la nota del segretario nazionale del SIM Carabinieri Antonio Aprile

L’arresto dei tre giovani cosentini, già noti alle Forze dell’ordine, avvenuto a poche ore di distanza dal tragico investimento del vicebrigadiere Salvatore Paternostro, è la pronta risposta dello Stato e dell’Arma dei Carabinieri.

Tutti i giorni i Carabinieri rischiano le proprie vite sulla strada, alla mercé di criminali anche giovanissimi senza alcun rispetto per le Istituzioni.

In qualità di Segretario Nazionale del SIM Carabinieri ringrazio tutti i colleghi che, immediatamente, si sono messi alla ricerca dei tre fuggitivi, assicurandoli alla giustizia in breve tempo, confidando si applichino pene più severe per questo tipo di reati.

Voglio ringraziare i colleghi del SIULP della Polizia di Stato che, immediatamente, hanno diramato una nota di solidarietà al collega investito.

La nostra vicinanza, infine, all’amico e collega ancora ricoverato, che ha ricevuto la visita del Segretario Regionale, Gaetano Cassata, per portare la vicinanza di tutto il SIM Carabinieri e l’augurio per una pronta guarigione.

Il risultato del lavoro di squadra a Cosenza è reale, evidente e porterà a benefici sempre più soddisfacenti per tutti i nostri Carabinieri.