Catanzaro – Concluso il Convegno “I disturbi di Deglutizione”

Concluso il Convegno che ha promosso la creazione di una rete multidisciplinare

_dsc0134-1024x681 Gestire in modo multidisciplinare il paziente con disturbi di deglutizione, facendo acquisire manualistica di base nell’esecuzione dello studio dinamico endoscopico della deglutizione e competenze nella interpretazione di endoscopie: questa la mission lanciata dal convegno “I disturbi di deglutizione” svoltosi lo scorso weekend nell’Aula Magna del Seminario San Pio X di Catanzaro,

<<Oggi la disfalgia, vale a dire la difficoltà a deglutire, è una patologia molto diffusa – ha sottolineato il prof. Umberto Barillari, presidente del Corso. – E’ indispensabile una tempestiva diagnosi che possa garantire la scoperta del problema che sta dietro al disturbo. Soltanto in questo modo si può intervenire anche con la terapia più adeguata. Il nostro obiettivo è portare beneficio al paziente.>>

L’incontro è stato promosso dall’A.S.P. di Catanzaro e dall’A.O. Pugliese Ciaccio.

<<Questi momenti di formazione sono molto importanti per il personale sanitario – ha affermato il direttore generale dell’A.S.P. di Catanzaro, il dott. Giuseppe Perri. – Essenziale il lavoro di équipe  per realizzare una diagnosi precoce e prevenire altre complicazioni connesse ai disturbi di deglutizione, come polmoniti.>>

<<Un’iniziativa significativa che parte dalla nostra azienda, in collaborazione con l’A.S.P., grazie al lavoro dei dott. Catalano e Destito – ha esclamato il direttore generale della A.O. Pugliese Ciaccio, il dott. Giuseppe Panella – La comunione tra l’unità operativa di otorinolaringoiatria con quella di audiologia e foniatria rende un servizio completo all’utenza che necessità di risposte ed interventi immediati.>>

<<E’ un onore per noi – hanno evidenziato i direttori del Corso, il dott. Mario Catalano e il dott. Domenico Destito – aver avuto in questa occasione, il padre della deglutologia italiana, il prof. Oskar Schindler. Abbiamo portato in questa sede il gotha del Gruppo Italiano di Studio della Disfalgia. Dopo 11 anni di lavoro al Policlinico di Germaneto, ora è da un anno che siamo nell’A.O. Pugliese Ciaccio e abbiamo dato l’input per operare in modo da riconoscere e trattare precocemente i disturbi di deglutizione. Stiamo cercando di creare una rete per gestire questa problematica in modo interdisciplinare.>>

Prestigiosa la presenza del prof. Oskar Schindler, un esperto di livello internazionale che per primo si è occupato dei problemi connessi alla deglutizione. <<Di questi disturbi si è iniziato a parlare all’inizio degli anni ’90 – ha sottolineato Schindler. – Prima, inoltre, ci si occupava solo degli adulti, ora, invece, si è compreso che ogni fascia d’età ha la sua problematica al riguardo e partiamo, quindi, dal feto fino ad arrivare all’anziano. Questo ha creato un boom di richieste e necessità al punto che ci sono figure che si dedicano solo a questo, come i logopedisti.>>

Durante il convegno si è svolto il “Corso di addestramento all’utilizzo dello screening TOR-BSST” BSST”, una metodica di screening, messa a punto dallo Swallowing Lab. della prof.ssa Rosemary Martino della Università di Toronto, che rappresenta il primo strumento validato scientificamente per effettuare correttamente lo screening dei pazienti colpiti da stroke.

La segreteria organizzativa del Convegno è stata gestita dalla Chronos Srl Congressi ed Eventi.

ALTRI ARTICOLI

Articoli correlati