Catanzaro – Il grande rugby al Parco della Biodiversità

rugby La strada per la nazionale italiana è già in salita, dopo la sconfitta per 32 a 10 a firma dei cugini transalpini. Ma la sfida di Clan Catanzaro Rugby e Catanzaro Rugby Union, con il patrocinio dell’amministrazione provinciale di Catanzaro guidata dal presidente Enzo Bruno, per attirare l’attenzione sul campionato del mondo di Rugby in Inghilterra, come occasione per appassionare a questo sport ricco di sani principi che favoriscono la solidarietà e lo spirito di squadra, è vinta. In tanti hanno partecipato alla proiezione della partita Francia-Italia al Parco della Biodiversità mediterranea, sabato sera dopo la dimostrazione di rugby junior e senior avvenuta alle 18 con tanti ragazzi che hanno “saggiato” uno sport che a Catanzaro prende sempre più piede. E questo grazie alla passione e all’impegno del Clan Catanzaro Rugby, guidato dal presidente Francesco Celi e dal vice Marco Levato, e del Catanzaro Rugby Union, presieduto da Salvatore Fregola. Un gioco di squadra che ha uno scopo pedagogico perché trasmette il senso della sportività, la solidarietà e lo spirito di squadra che favorisce la sana competizione. Non di solo calcio vivono i più piccoli, suggeriscono Levato e Fregola guardando i più piccoli cadere e rialzarsi nel grande prato verde nel corso delle dimostrazioni junior che hanno preceduto la proiezione della partita: attacco, contrattacco, difese e fughe in avanti verso una meta che rappresenta la crescita sana che Catanzaro Rugby Union e Clan Catanzaro Rugby puntano ad incrementare, pronti a dare informazioni a quanti sono interessati a lasciarsi travolgere dalla passione per il rugby.
Tra gli spalti dell’anfiteatro nei pressi del bar “La Buongustaia” anche la nuova delegata del Coni provinciale, l’avvocato Cinzia Sandulli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.