Catanzaro, l’Opi: dignità e rispetto per gli infermieri

Il direttivo dell’Ordine: basta selezioni come quella del Pugliese-Ciaccio

“Dignità. Rispetto. Sono parole che oggi sentiamo di dover richiamare con forza. Ci riferiamo al triste epilogo della vicenda relativa al concorso per infermieri e operatori socio-sanitari bandito dall’azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, le cui criticità, già finite al vaglio della Procura, hanno anche determinato la sospensione delle procedure concorsuali da parte della stessa direzione aziendale. La dignità è quella che rivendichiamo come Ordine professionale degli infermieri, per una categoria che comunque rappresenta un fulcro fondamentale del Sistema Sanitario Nazionale. Il rispetto è altrettanto basilare e si deve concretizzare non solo a parole ma concretamente, anche quando si organizza una selezione così importante e attesa come quella che si è tenuta nei giorni scorsi. In simili circostanze, vanno garantite condizioni normali di partecipazione. Pertanto, si può e si deve fare meglio. E’ un obbligo. Lo pretendiamo come Opi, cui spetta il compito e la responsabilità di intraprendere tutte le iniziative utili a difesa della professione infermieristica. Non esiste l’infermiere se non si tutela la sua dignità e la sua professionalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.