Catanzaro – Picchiava la moglie, arrestato 51enne per maltrattamenti in famiglia

Una storia di violenza all’interno delle mura domestiche ha trovato l’epilogo con l’intervento della Polizia di Stato. Nella tarda serata del 9 dicembre, personale della Squadra Mobile e della Squadra Volante ha arrestato in flagranza di reato, a Catanzaro, S. C., 51 anni, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della propria moglie. In particolare, gli agenti della Polizia di Stato, dopo una chiamata al 113, sono intervenuti nell’abitazione della coppia, perché gli era stata segnalata la scomparsa di una donna. Il personale, una volta giunto presso l’abitazione in questione, ha constatato l’assenza della moglie di S. C., allontanatasi senza dare alcuna notizia. Sul posto, gli agenti hanno provveduto ad effettuare i primi accertamenti per capire cosa fosse realmente accaduto, sentendo anche le persone presenti, parenti della donna. Parallelamente, sono stati attivati servizi info-investigativi da parte della Squadra Mobile, al fine di ricercare la persona scomparsa. Dal racconto sia della donne che dei parenti, si è scoperto che, intorno alle 17, S. C. dopo essere rientrato in casa dal lavoro, come spesso accaduto in passato, ha cominciato a litigare violentemente con la moglie schiaffeggiandola al volto, offendendola più volte e intimandole di uscire di casa per poi colpirla violentemente con un giocattolo poggiato sul pavimento e, a forza di spintoni, buttarla fuori di casa. La donna era riuscita a fuggire, trovando rifugio presso un’abitazione rustica collocata nelle vicinanze, dove successivamente è stata poi ritrovata dal personale della Polizia di Stato, tremante e in evidente stato di shock. Soccorsa, la donna è stata accompagnata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Catanzaro per le cure del caso.

Nel corso degli approfondimenti, la malcapitata riferiva che oltre a questo episodio, anche in passato aveva subito aggressioni verbali e violenze fisiche da parte del marito, raccontando di analoghi episodi avvenuti in un terreno isolato dove veniva accompagnata per essere offesa e aggredita.

Alla luce di quanto accertato, S. C. è stato arrestato per il reato di maltrattamenti in famiglia e dopo le formalità di rito, su disposizione del PM di turno della Procura di Catanzaro, è stato trattenuto presso le celle di sicurezza del Commissariato di PS di Catanzaro Lido, in attesa del giudizio per direttissima che si è tenuto nel pomeriggio del 10 dicembre. Il giudice, pur non convalidando l’arresto, ha applicato a S. C., la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, prescrivendo allo stesso di lasciarla immediatamente, di non farvi rientro e non accedervi senza autorizzazione dell’A.G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.