Centro contro destra, e viceversa

 Il centrodestra è un ircocervo, animale immaginario del bestiario antico. Lo è antropologicamente prima che politicamente: il più mite e moderato di destra è sempre contro ogni centro; e ogni moderato di centro è più vicino alla sinistra che alla destra.

 Per chi avesse bisogno di un esempio, ecco Catanzaro e relativo fallimento. Fallimento, precisiamo, non al ballottaggio ma al primo turno, quando gli elettori hanno votato sì per qualcuna delle decine di liste, ma non per Donato. Possibile che nella nobile città di Catanzaro il cdx non trovasse un candidato qualsiasi con un minimo di identità?

 Fallimento, del resto, in tutta Italia e tutta la Calabria: anche se un certo Saccomanno (Carneade, chi era costui?) va cianciando che la Lega ha vinto. Ma forse pensa a due euro al superenalotto, fortuna sfacciata di un simpatizzante di Palmi? Simpatizzante, perché dubito che qualcuno abbia davvero una tessera della Lega.

 Ecco dunque che la Lega calabrese, che era arrivata al 22%, crollò all’8; e dopo giugno 2022, ai numeri relativi; e fa concorrenza nel peggio ai 5 stelle.

 È dal 1946 che in Italia manca una destra sul serio e che dica cose di destra con un linguaggio di destra; senza buonismi, ugualitarismi, femminismi, pauperismi e tutto quell’apparato di scopiazzature del centrosinistra con cui una patetica furbizia inutile spera di gabbare gli elettori di destra. Come le dichiarazioni di Fini e Alleanza Nazionale quando nel 1995 e seguenti si dichiararono antifascisti, quando tutti sapevano che la classe dirigente portava le mutande nere con il fascio bene in vista. E infatti AN sparì nel vuoto eterno, come senza dubbio meritava prima ancora di nascere.

 Manca una destra su temi squisitamente di destra: ordine pubblico, droga, clandestini, politica estera indipendente, Europa delle patrie, scuola seria, meridionalismo del lavoro e della produzione, fine dell’assistenzialismo generico, efficienza degli apparati statali, riforma della Giustizia nel senso di riportare i giudici alle loro funzioni, difesa della lingua italiana…

 Manca un linguaggio di destra. E avete mai visto al cinema o in tv un film di destra? O un romanzo di destra che venga presentato in tv? Di destra, non buonismo piccolissimo borghese.

 Da queste premesse, quando al cdx serve un candidato… lo vanno a pigliare a sinistra; e perdono.

Ulderico Nisticò