Certificati medici falsi, indagati per truffa 21 sanitari del 118 di Catanzaro

Certificati di malattia anomali su cui la Procura ha voluto fare luce e ora 21 medici delle postazioni di 118 della provincia di Catanzaro si ritrovano indagati con l’accusa di aver falsificato la propria condizione di malattia, dal momento che non veniva loro erogata l’indennità aggiuntiva percepita nei periodi di festività e ferie.

Ieri il Nucleo di polizia economica e finanziaria della Guardia di Finanza, su delega del sostituto procuratore Graziella Viscomi, ha notificato 21 avvisi di garanzia in cui ai sanitari delle postazioni 118 del territorio provinciale viene contestata l’ipotesi di truffa.

Secondo le ricostruzioni effettuate dal pubblico ministero i medici, attraverso il ricorso massivo alla malattia “finta”, avrebbero così conseguito un ingiusto profitto pari alla retribuzione percepita nel periodo di malattia. I finanziari, nella giornata di ieri, hanno anche sequestro dei telefoni cellulari degli indagati oltre al materiale informatico e cartaceo giudicato utile alle indagini.