Chiaravalle Centrale – Casa della Salute, consegnata una sedia a rotelle

SAM_7454Circa 3 tonnellate di indumenti usati e giocattoli,destinati al cassonetto della spazzatura si sono trasformati in una sedia a rotelle nuova di zecca,per il Posto di Primo Intervento della Casa Salute di Chiaravalle Centrale ex ospedale “San Biagio”.Tutto questo è stato possibile grazie all’iniziativa “Operazione Scambio 1” una raccolta straordinaria di indumenti usati e giocattoli per l’ANPVI ONLUS,organizzata dall’ex Amministrazione Comunale di Chiaravalle Centrale Assessorato Servizi Sociali in collaborazione con l’Associazione di Volontariato CE.S.R.A.M (Centro Studi e Ricerca Ambiente Marino) di Guardavalle,il 21 e 22 giugno 2014.
La sedia è stata donata da Città Pulita snc di Rizziconi azienda specializzata nel recupero degli indumenti usati,che da oltre 10 anni si occupa di trasporto e raccolta rifiuti in collaborazione con l’ANPVI ONLUS (Associazione Nazionale Privi della Vista e Ipovedenti),in cambio degli indumenti e giocattoli raccolti,ecco spiegato il nome stesso dell’iniziativa.
Presente alla consegna,la Dr.ssa Villirillo Rosa Responsabile Settore Affari generali Servizi demografici e Servizio Socio Culturale del Comune di Chiaravalle, che è stata ricevuta dal Direttore della Casa Salute il Dr.Rocco Cilurzo,dalla Dr.ssa Barbara Mirella medico del Posto di primo intervento,dall’infermire professionale Francesco Iamonte e dall’infermiere professionale Giovanni Montepaone volontario del CE.S.R.A.M. ideatore dell’iniziativa.Presenti anche medici e infermieri del 118 ed anche altri operatori della struttura.Grande apprezzamento per il gesto è stato espresso dal dr Rocco Cilurzo e dalla dr.ssa Barbara,che ringraziano e si complimentano con gli organizzatori e i volontari ed in modo particolare con l’infermiere Giovanni Montepaone,che ancora una volta si distingue per il suo operato nel mondo del volontariato.Soddisfatto dell’avvenuta consegna anche l’ex assessore ai servizi sociali del comune di Chiaravalle Sergio Garieri. Un piccolo contributo – precisa Montepaone – che racchiude un grande significato: abbiamo,infatti,ritenuto opportuno proporci un traguardo da raggiungere e ci siamo autodeterminati affinché si potesse dare un segno solidale tangibile in favore di chi è meno fortunato. << Missione compiuta – anche se in ritardo,continua Montepaone, ma non per colpa di noi volontari,ma purtroppo per la burocrazia che c’è in Italia >>. Operazione Scambio 1,una iniziativa che ha permesso non solo di regalare la sedia a rotelle,ma anche di fare ecologia,riciclo,infatti questi indumenti hanno avuto una seconda vita,e di sostenere le attività dell’ANPVI ONLUS.