Coltivavano 1000 piante di canapa indiana, famiglia arrestata

Coltivavano illecitamente 1000 piante di canapa indiana all’interno di serre adiacenti alla propria abitazione, e detenevano illegalmente un fucile calibro 20. I Carabinieri della Stazione di Bovalino, insieme ai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, hanno arrestato in flagranza di reato, con l’accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e di armi e munizioni, due coniugi di Bovalino, lui pregiudicato e lei, incensurata e il figlio 25enne, pregiudicato, tutti di Bovalino.

In particolare, nella prima mattinata di ieri, a seguito di una mirata perquisizione locale e domiciliare eseguita presso le pertinenze dell’abitazione degli indagati, il personale operante ha rinvenuto, abilmente occultate nella limitrofa vegetazione, due serre adibite a coltivazione della canapa indiana con all’interno complessivamente circa 1.000 piante di altezza compresa tra i 100 e i 200 cm, il cui valore stimato, qualora immesse sul mercato, sarebbe stato di circa 1 milione di euro; unitamente alle serre – dotate di impianto di irrigazione con sistema cosiddetto a “goccia” – è stato ritrovato anche un rudere destinato ad essiccatoio, munito di 2 lampade a neon in funzione.

Nell’abitazione è stato inoltre rinvenuto il fucile perfettamente funzionante, con due munizioni in canna, posto sotto sequestro. Gli arrestati sono stati portati presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare, mentre le piante rinvenute sono state distrutte, previo campionamento, sulla base di quanto disposto dall’A.G. di Locri.