Condannato per l’omicidio Fortugno riceveva il reddito di cittadinanza

Francesco Fortugno con la moglie in una foto del 2005

Dallo scorso giugno percepiva indebitamente il reddito di cittadinanza un uomo di 51 anni condannato in primo grado dal tribunale di Locri per falsa testimonianza sull’omicidio, avvenuto nel 2005, di Francesco Fortugno, vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria.

L’indagato, I.F., proprietario di una villetta appena ristrutturata nel comune di Gioiosa Jonica, è stato denunciato e il sussidio di 500 euro mensili gli è stato sospeso.

L’illecito è stato scoperto durante gli approfondimenti investigativi, culminata lo scorso luglio nell’arresto di tre cittadini italiani per traffico internazionale di cocaina dal Sudamerica, (con le aggravanti ‘mafiosa’, della ingente quantità e della transnazionalità. Lo ha scoperto la guardia di finanza di Genova nell’ambito dell’inchiesta ‘Buon vento genovese’.