Conduttrice tv di Vicenza irride bimbo tifoso del Cosenza, lo sdegno di Occhiuto

Bufera social su Sara Pinna, conduttrice della trasmissione “Terzo tempo – diretta biancorossa”, trasmesso dall’emittente veneta Tva. Tutto nasce da una risposta data in diretta ad un bambino, tifoso del Cosenza, al termine della partita dei playout di serie B che ha visto i calabresi battere per 2-0 il Vicenza, decretando la retrocessione dei veneti in serie C.

L’inviato di Tva era fuori dallo stadio “Marulla” di Cosenza per raccontare gli umori dei tifosi. Davanti al suo microfono, un piccolo tifoso cosentino – incitato dal padre – ha detto con orgoglio: “Lupi si nasce”. A questo punto, dallo studio Sara Pinna ha replicato: “Ma gatti si diventa, tanto verrete tutti in pianura a cercare lavoro”.

“Questa “giornalista” si è rivolta ad un bambino calabrese di 7 anni – che esultava per la vittoria del Cosenza – con l’ennesima frase razzista”. Stigmatizza il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto. 

“Mi chiedo come si possa ridurre la bellezza dello sport a tanta violenza verbale come avvenuto nelle ultime settimane”. “Auspico che l’ordine dei giornalisti – conclude –  prenda immediatamente provvedimenti, e che qualcuno – umilmente – inizi a chiedere scusa pubblicamente”.