Coronavirus, dodici positivi in una scuola calabrese

“I casi di positività al virus ci sono e ci saranno, è inevitabile – ha detto la titolare del ministero di viale Trastevere, Ministra Azzolina – ma le misure che abbiamo introdotto ci permettono di individuarli tempestivamente, compresi i casi asintomatici che altrimenti potrebbero sfuggire al controllo. Ora dobbiamo fare il massimo sforzo per avere rapidità nei test e circoscrivere le quarantene, limitando così i disagi alle famiglie e garantendo a tutte le scuole una buona organizzazione della didattica. Resta fondamentale mantenere comportamenti responsabili”.

I contagi aumentano e con loro l’ansia e la preoccupazione di genitori, docenti, presidi anche se, come evidenziato dai nuovi numeri sul contagio nelle scuole, “i ‘focolai scolastici’ classificati dall’Istituto Superiore di Sanità siano numericamente poco significativi” ha ribadito la Ministra Azzolina.

Al 3 ottobre gli studenti che risultano positivi sono lo 0,037% pari a 2.348 contagi. Il personale docente che risulta positivo è lo 0,059% (402 casi) mentre il personale non docente che risulta positivo è lo 0,079% pari a 144 casi.

Anche le scuole calabrese devono fare i conti con il covid. E se fin’ora si è trattato di casi isolati e subito circoscritti (come nell’asilo privato e al Telesio di Cosenza) a Reggio Calabria ieri sono state accertati 12 positivi riconducibili a una classe del Convitto Campanella di Reggio Calabria, dopo un primo caso scoperto nei giorni scorsi che aveva portato, come protocollo prevede, ad isolare tutti gli studenti in quarantena e a sottoporli a tampone che hanno poi rivelato la positività dei 12.