Coronavirus, il “Tutti liberi” a Soverato ha portato ad un situazione critica

“La mancanza di regolamentazione di alcune criticità presenti sul territorio, ampiamente rese note dalle Autorità Locali e la mancanza di qualunque provvedimento precauzionale che ho sollecitato al Sindaco mediante istanza oltre 15 giorni fa in concomitanza con il focolaio presente a Guardavalle, ha reso la cittadina forte del “Tutti liberi” perché a casi zero, e ha quindi portato oggi tutti, in una situazione critica.
 PREVENIRE ERA UN ATTO DOVUTO, la conseguenza della leggerezza del controllo amministrativo traspare chiaramente in tutti questi dati e ordinanze”.

” I contagi continuano a salire, e il Sindaco emette ordinanza di Zona Rossa per il fine settimana.
 È difficile comprendere a cosa serva chiudere il Lungomare e consentire l’attività motoria dalle 05.00 alle 09.00 del mattino, piuttosto che consentire la sola attività motoria e vietare l’assembramento.
Dopo aver portato la Cittadina in questa condizione, impediamo persino a chi ne ha necessità di poter passeggiare in solitaria con tutti i dispositivi di sicurezza”.

“Voglio ricordare al Sindaco che per molte patologie la lunga camminata è un iter terapeutico, e in quelle ore al mattino in una condizione climatica quale questa, più che terapia può essere un malanno vero e proprio”.

” A questo punto, inoltre, non riesco a comprendere la differenza della chiusura tra l’intera settimana e il fine settimana, quando poi durante tutta la settimana consentiamo ai ragazzi di assembrarsi nei locali dei distributori automatici”.

“Quanto sta accadendo, causerà immancabilmente un grave pregiudizio sia sulla condizione sanitaria che sulla condizione economica di ogni attività del territorio, a cui nessuno potrà sottrarsi.
Piuttosto che definire genitori e ragazzi “diversamente intelligenti” , sarebbe il caso di recitare un Mea Culpa!”. Lo rende noto con un post su Facebook la consigliere comunale di Soverato, Azzurra Ranieri.