Controlli su una 26enne rientrata dal Nord, non si tratterebbe del coronavirus

Una ragazza di 26 anni, passeggera di un volo proveniente dal nord Italia ieri sera, è risultata positiva ai primi controlli di routine ed è stata trovata con una temperatura corporea alterata. 

Da qui l’attivazione immediata dei protocolli di sicurezza, con un ulteriore controllo in aeroporto effettuato da un medico presente alla postazione d’emergenza, che ha raccolto anche alcune informazioni in particolar modo in riferimento ai contatti avuti dalla donna la quale avrebbe rivelato di essere entrata in contatto con una collega che a sua volta aveva interagito con il primo paziente in Italia risultato affetto a Codogno.

La giovane è stata subito trasportata all’unità operativa di Malattie Infettive dell’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro, dove è stata messa in isolamento e sono iniziati i primi test che avrebbero riscontrato in base ai tamponi effettuati che non si tratterebbe del virus orientale. In ogni caso anche l’ospedale ha attivato tutte le procedure d’emergenza.