Coronavirus, sono 2.100 le comunicazioni di rientro dalle zone rosse in Calabria

“Nell’arco di meno di 24 ore, circa 2.100 persone hanno auto-comunicato di essere rientrate dalla Lombardia o dalle 14 province comprese nella zona rossa”. A rivelarlo è stato il dirigente generale del Dipartimento regionale Tutela della salute, Antonio Belcastro, parlando con i giornalisti nella sede della Regione, a Catanzaro, a margine di una riunione con le Asp e le Ao sull’emergenza coronavirus.

“Queste persone – ha poi riferito Belcastro – si sono auto-censite, e noi abbiamo già inviato queste schede di censimento ai cinque Dipartimenti di prevenzione delle Asp e ai sindaci dei vari Comuni perchè venga attivata la sorveglianza attiva come dice l’ordinanza del presidente e quindi la quarantena obbligatoria”.

“Non ci sono grossi problemi finora, dalla lettura delle schede – ha sostenuto il dg del Dipartimento regionale Tutela della Salute – sono tutti asintomatici, ma la disposizione va rispettata e chi la infrange va incontro a sanzioni, ed era a tutela dei cittadini calabresi. Il nostro motto infatti è ‘contieni e distanzia’”.