Corsi per imprenditori agricoli professionali al GAL Serre Calabresi

Hanno l’obiettivo di fornire una formazione di base in un settore di importanza primaria, quale quello agricolo, i due corsi attivi, con turno mattutino e pomeridiano, presso il GAL Serre Calabresi a Chiaravalle Centrale (CZ).

Iniziati il 3 ottobre, avranno conclusione il 24 novembre e coinvolgono una trentina di corsisti. Requisiti di accesso: il compimento del 18° anno e il possesso del diploma di maturità. L’età media dei partecipanti è tra i 18 e i 40 anni.

Il corso si compone di 150 ore, 90 delle quali sono rappresentante da lezioni frontali e 60 ore di attività pratiche-applicative presso le aziende dell’area GAL. Il percorso formativo si concluderà con una prova d’esame, mediante la compilazione di un test a risposta multipla e un colloquio orale.

Il corso si prefigge più specificamente: di delineare una figura professionale in grado di orientarsi in maniera corretta nell’interpretazione e applicazione delle più recenti normative regionali, nazionali e comunitarie in materia agricolo, ambientale e di gestione aziendale; di contribuire all’aggiornamento professionale necessario per gestire un’azienda agricola economicamente redditizia, in linea con gli orientamenti della politica agricola comunitaria PAC e secondo le finalità del PSR Calabria 2014/2020; di preparare gli agricoltori all’orientamento qualitativo delle produzioni, all’adozione di sistemi di qualità, alla diversificazione delle attività produttive e all’applicazione dei metodi di produzione compatibili con la conservazione ed al miglioramento del paesaggio, con la tutela dell’ambiente e del benessere degli animali, di fornire ai partecipanti le conoscenze sulle produzioni agroalimentari tipiche del territorio calabrese.

Contribuiscono alla formazione pratica – applicativa le visite presso le seguenti realtà imprenditoriali: Azienda Mancini Daniela srl di Amaroni, Azienda Corrado Loredana di Torre di Ruggiero, Azienda agraria Grattà Isabella di Amaroni, Azienda Sestito Giuseppina di San Vito sullo Ionio, Azienda Migliarese Bruno e figli di Soverato, Azienda Costantino Mariangela di Maida e Azienda Paolo Bova di Amaroni.

L’obiettivo del GAL Serre Calabresi di fornire attività formativa professionale discende, spiega il presidente Marziale Battaglia, dalla piena consapevolezza che la «necessità delle aziende agricole di promuovere l’impegno ambientale nelle proprie produzioni e pratiche agricole in modo volontario e trasparente è divenuta un tema di grande interesse, non solo in termini di sostenibilità ma anche in termini economici e di marketing.

Questo, infatti, va di pari passo con uno spiccato aumento della sensibilità ambientale del consumatore che sempre più richiede il rispetto dei requisiti ambientali minimi di sostenibilità lungo la filiera produttiva. Inoltre, le politiche di sviluppo rurale possono concorrere in maniera significativa al raggiungimento dell’obiettivo di difesa della biodiversità, attraverso la conservazione e la valorizzazione degli ecosistemi connessi all’agricoltura e, in particolare, attraverso la salvaguardia e il miglioramento del paesaggio rurale delle aree agricole ad elevato valore naturale». Sulla scorta di queste considerazioni le prime edizioni dei corsi si sono tenute già nel 2018.