Cosa se ne fa una vita spezzata della nostra fiaccolata? 

Domani, domenica 29 agosto, Simona avrebbe dovuto utilizzare l’accendino per farsi un barbecue con gli amici. Ora, destino beffardo, quell’accendino servirà ad accendere i vostri lumini. Sarà il solito esibizionismo soveratese? Servirà a qualcosa? 

La tragedia è accaduta perché lo stato civile del ventunesimo secolo non ha tutelato il diritto di una ragazza a farsi una scampagnata con gli amici (e in un’area picnic).

La colpa è nostra. Le bestie feroci siamo noi che con la nostra mentalità omertosa e misera, non abbiamo mai avuto il coraggio di alzare la testa  e risolvere un problema taciuto per anni. 

Ricordo a tutti che Soverato ha il suo bel branco di cani randagi a passeggio. 

Bisogna prendere seri provvedimenti, anche perché la sempre incinta mamma degli idioti, ha appena sfornato geni che pensano di farsi giustizia avvelenando gli animali. 

Se non reagiamo oggi, il domani conoscerà una nuova tragedia.

#giustiziaperSimona! 

A.R.