Da diversi giorni una misteriosa epatite colpisce bambini di vari paesi europei

 Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) sta collaborando con l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) su un’indagine su dozzine di casi di epatite infantile nel Regno Unito, Danimarca, Paesi Bassi e Spagna. In alcuni casi, i pazienti hanno dovuto essere trasferiti in un’unità specializzata in malattie del fegato e alcuni bambini hanno dovuto sottoporsi a trapianto di fegato.

L’OMS ha annunciato venerdì scorso di avere aperto un’indagine su dozzine di casi di epatite grave di origine sconosciuta verificatisi nel Regno Unito e in Spagna, ma nel frattempo sono comparsi nuovi casi in Danimarca, Paesi Bassi e Spagna, ha affermato l’ECDC in una stampa uscita martedì.

Nello stato dell’Alabama negli Stati Uniti, sono stati segnalati nove casi in bambini di età compresa tra 1 e 6 anni. Sono tutti risultati positivi all’adenovirus. Le indagini sono in corso in tutti i paesi in cui sono stati segnalati casi. L’epatite colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai dieci anni e si manifesta con sintomi quali ittero, diarrea, vomito e dolore addominale.

Dal momento che i soliti virus dell’epatite (da A a E) non sono stati rilevati nei bambini affetti, le autorità sanitarie britanniche hanno indicato che stanno indagando sull’ipotesi dell’adenovirus, nonché su altre possibili cause, come Covid-19, altre infezioni o malattia. Il coronavirus e/o l’adenovirus sono stati diagnosticati in diversi bambini contagiati, ma il loro ruolo nello sviluppo della malattia “non è ancora chiaro”, precisa l’Oms.

Ad oggi, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” , non è stata trovata alcuna connessione con nessuno dei vaccini corona. Tuttavia, non sono stati identificati nemmeno altri fattori di rischio epidemiologico, come i recenti viaggi all’estero.