Davoli – Ormai siamo allo sbando!

Sono una persona che ormai da tempo viene a passare le vacanze a Davoli Marina nella zona del villaggio Costaverde quest’anno da quello che mi hanno detto (non ero informato in merito non abitando sempre qui) è anche cambiata amministrazione ma le cose invece di migliorare sono peggiorate moltissimo.

Infatti per lo meno negli anni passati una volta prima dell’estate raccoglievano i rifiuti nella zona del Villaggio Costaverde, adesso nemmeno quello come si può vedere dalle foto. UNO SCHIFO!!!! Io capisco che le zone dove vengono i turisti solo per il periodo di Agosto non sono luoghi dove i politici possono raccogliere voti però i cari politici e cara amministrazione di Davoli Marina devo ricordarvi che noi paghiamo le tasse come tutti quanti, anzi qui tutti quanti paghiamo le tasse come seconde case perciò arricchiamo le casse del comune più di quelli che abitano tutto l’anno qui però veniamo trattati come cittadini di serie B!!! ASSURDO!!!
Ricordo ai signori amministratori che oltre a pagare come seconde case molti qui cercano di affittare gli appartamenti ai turisti che dovrebbero trovare almeno ad Agosto pulito (non pretendiamo anche Luglio e Settembre) per preservare l’immagine del posto e invogliare la gente a tornare.
Oltre alla bellissima spazzatura come potete vedere sempre dalle foto anche una delle strade comunali che porta a mare esattamente Via Forgiarello è quasi impraticabile tra poco per le canne troppo alte non si riesce a passare nemmeno. Nonostante la nuova strada anche questa è una via che porta verso il mare ed è una via comunale!!!!
​Ormai la rassegnazione ha preso il sopravvento!!! Cosa si deve fare per poter avere i servizi basilari per le quali paghiamo le tasse? Non abbiamo mai chiesto di più solo i servizi che ci spettano!!! Per quest’amministrazione evidentemente non ci spettano nemmeno quelli…..
Anonimo.
​Grazie.
IMG_20150806_150905IMG_20150806_150756IMG_20150806_150758
IMG_20150806_150748
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.