Delfini sionisti assassini? Hamas afferma che esistono

 Secondo Hamas le sue pattuglie navali sono stati attaccati al largo di Gaza da un delfino operativo assassino delle forze israeliane, equipaggiato con armi da combattimento specializzato

Secondo un rapporto di Al-Quds, le forze di sicurezza israeliane hanno usato un delfino per inseguire i commando dei sommozzatori di Hamas al largo della costa della Striscia di Gaza. Lo ha affermato lunedì l’organizzazione terroristica. Durante un’operazione avvenuta in un momento imprecisato, le pattuglie navali di Hamas sono state inseguite in mare da un delfino dotato di un ordigno in grado di uccidere i sommozzatori del gruppo terroristico, ha rivelato in un video un portavoce dei commando navali delle brigate di Al-Qassam.

“I delfini assassini sionisti esistono, secondo una pubblicazione di Hamas”, ha twittato Joe Truzman, analista di ricerca presso il Long War Journal della Foundation for Defense of Democracies. Abu Hamza spiega che un membro dell’unità Frogman di Hamas, ucciso da Israele durante il conflitto di maggio, ha trovato il delfino assassino. Il dispositivo che indossava il presunto delfino assassino è mostrato nella pubblicazione. L’esatta natura e funzione del dispositivo non sono state rivelate, ma Al-Quds ha affermato di avere fonti riguardanti un altro incidente di cetacei da combattimento nell’agosto 2015 che era dotato di un telecomando, una fotocamera e un’arma in grado di sparare proiettili simili a arpioni.

Le fonti di Al-Quds hanno affermato che Hamas era riuscito a catturare il delfino israeliano nel 2015, ma non hanno riferito cosa ne è stato del mammifero militare, che potrebbe essere ancora in cattività. Secondo la BBC, il quotidiano ha affermato che il mammifero marino è stato “spogliato della sua volontà” e trasformato in “un assassino” dalle forze israeliane. Questa non è la prima volta che Hamas afferma che l’agenzia di intelligence israeliana Mossad ha usato i delfini per spiare: nell’agosto 2015, il gruppo ha affermato di aver catturato uno dei presunti agenti segreti. Hamas ha detto che una delle unità navali delle sue brigate militari ha catturato il delfino al largo della costa di Gaza nel luglio 2015 dopo aver rilevato un movimento fuori dal porto.

I media israeliani hanno riferito all’epoca che il mammifero acquatico è stato trovato con “attrezzatura da spionaggio” tra cui un telecomando e una fotocamera. È stato portato a terra ed esaminato, ma non sono state rilasciate foto del presunto agente segreto della marina. Il media arabo Al-Quds, che è stato il primo a riportare la notizia, ha affermato all’epoca che il delfino era stato “privato della sua volontà” e trasformato in un “assassino” dalle forze di sicurezza israeliane. Il rapporto aggiunge che l’uso dei delfini per missioni di spionaggio testimonia la “rabbia” e l'”indignazione” degli israeliani per la formazione dell’unità di combattimento navale di Hamas. Israele è stato precedentemente accusato di coinvolgere animali per missioni di spionaggio.

Nel 2013, i media turchi hanno affermato che gli uccelli contrassegnati con dispositivi di localizzazione dalle università israeliane venivano inviati in missione di spionaggio. Nel 2012, un’aquila con un’etichetta israeliana in Sudan è stata catturata e presentata come una spia del Mossad. Nel 2011, le autorità saudite hanno arrestato un avvoltoio sospettato di spiare per conto di Israele dopo aver scambiato il dispositivo di localizzazione che indossava per un gadget spia. E un anno prima, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”un funzionario egiziano ha affermato che gli squali controllati da Israele potrebbero essere coinvolti in una serie di attacchi turistici nel Mar Rosso. Il rapporto del 2015 ha segnato le prime accuse conosciute secondo cui Israele stava usando i delfini per missioni di spionaggio.