Don Rua’s Day 2017. L’inferno di Dante all’Istituto Sant’Antonio di Padova a Soverato

Per me si va nella città dolente, per me si va nell’etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate. È la porta del mondo infernale che alle ore 20:00 del 28 ottobre si apre a tutti coloro che sono pronti ad entrarvi. E sono tanti. Fatti per seguir virtute e canoscenza. Fatti di un’infinita gioia che dura da tutto un mese di lunghi e intensi preparativi.

Fatti di idee, risate e pomeriggi trascorsi tra il pallone e i pennelli da pittura. Sono gli allievi dell’Istituto salesiano Sant’Antonio di Padova, dalla classe prima delle elementari all’ultima del Liceo, che festeggiano il Don Rua’s Day 2017 nel grande cortile della scuola, in occasione della celebrazione in onore del fondatore dell’Istituto Michele Rua. Immaginare, disegnare, colorare, cucire, leggere, recitare. Tutte parole d’ordine che hanno scandito lo scorrere dei giorni. Tema scelto per quest’anno è l’Inferno dantesco che ha permesso ad ogni classe di realizzare, tra arte e drammatizzazione, i nove gironi infernali e di sfidarsi per il primo posto del più bel girone realizzato.

Ci sono Dante, Virgilio e i dannati. Ci sono i peccati, la musica folkloristica del quartetto tradizionale – con Gregorio Galati, Marco Gregoraci, Carlo Mellace e Luca Ramogida- gli stand gastronomici e il Festival canoro vinto quest’anno dalla giovane Karen Posella con il brano Halo dell’artista Beyoncè. Due i gironi che hanno conquistato il primo posto sui fogli della giuria: degli avari e dei prodighi, realizzato dalla classe terza media e quello degli eretici del quarto Liceo. A vincere su tutti è l’entusiasmo di grandi e piccini e la voglia di fare festa, la prima di una lunga serie organizzate dall’Istituto, perché la scuola si deve vivere anche lontano dai banchi! E quindi uscimmo a riveder le stelle.

Floriana Ciccaglioni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.