Etichetta dei messaggi privati e regole non scritte della comunicazione nell’era digitale

Nell’era digitale, i messaggi non sono più brevi note da inviare a migliori amici e familiari ma spesso vengono scambiati anche con colleghi, tra amici di amici, e persino con persone che stiamo conoscendo e non abbiamo mai incontrato dal vivo prima!

Per questo è importante fare attenzione ad alcune consuetudini che possono migliorare la comprensibilità del nostro messaggio e rendere più agevole il contatto interpersonale: di contro, è anche importante liberarci da alcune paure e pregiudizi che ci inibiscono!

Gli esperti di appuntamenti del sito web tendermeets recensione, hanno condiviso alcune regole non dette che dobbiamo ricordare e seguire durante una conversazione online.

 Non aver paura di scrivere per primo!

Se vuoi contattare online una persona che ti interessa, non aver paura di fare il primo passo. Su internet il linguaggio del corpo è assente e non ci si può affidare nemmeno all’energia empatica né alle vibrazioni: se tutti e due aspettate che l’altro inizi, vi scriverete mai? Se ti limiti a lasciare dei like a lui o lei, sei sicuro che capirà il tuo interesse o non prenderà piuttosto i tuoi segnali per quelli che sono, e cioè dei semplici like? Non temere, quindi, di risultare invadente se vuoi iniziare una conversazione: l’importante è essere gentile.

  • Tieni conto degli impegni altrui

Il tempo, su internet, ha una dimensione tutta sua: è qualcosa di sfumato, a volte di irreale. Ma tieni conto che, come sicuramente li hai tu, anche l’altro ha degli impegni “reali” da assolvere. Se sai che si sta avvicinando l’ora in cui l’altro/a non può essere disponibile, cerca di lasciarlo al suo impegno e di non distrarlo continuando a inviare messaggi. Le notifiche continue potrebbero distrarlo/a, metterlo/a in apprensione o addirittura risultare fastidiose.

  • Rispondi sempre

Non importa quando: importa che si risponda. Si tratti di un sì, di un no o soltanto di un “grazie”, rispondere sempre è un irrinunciabile atto di educazione (che sicuramente farà crescere, e di molto, la stima che gli altri utenti del web hanno di te).

  • Mantieni i tuoi testi brevi

Se puoi dire una cosa con cento parole, puoi sicuramente dirla anche con venti. La sintesi, sul web, è importante. Più i messaggi saranno brevi più facilmente saranno letti e considerati dal tuo interlocutore. Al contrario, i messaggi-papiro hanno come effetto, nell’altro, un tremendo desiderio di darsela a gambe!

  • Se non ricevi subito una risposta, non farti prendere dal panico

 Ultimamente sta dilagando un modo di pensare, relativamente ai messaggi, che è un po’ un tradimento della loro funzione originaria. La distorsione è questa: ci aspettiamo che tutti ci rispondano quasi in tempo reale, perdendo in qualche modo il confine tra quello che è il discorso parlato (dal vivo o via telefono) e quello che è il discorso scritto. Di fatto, quando massaggiamo, non siamo in presa diretta e dobbiamo ricordarcene. Una persona può avere mille motivi per staccarsi dallo schermo del pc o dello smartphone: motivi che noi ignoriamo, non vedendola né sentendola. Per questo, non farti prendere dal panico se non ricevi sempre una risposta immediata, e non pretenderla! Sarebbe poco rispettoso e ti farebbe anche passare per “appiccicaticcio”. Rispettare i ritmi dell’altra persona è importante e non deve essere motivo di panico. Dopo una mancata risposta, l’ideale sarebbe far trascorrere addirittura una giornata intera prima di sollecitare.

 La grammatica conta

Ok, è tanto bella la rapidità quando ci si scambia messaggi, ma anche la grammatica ha il suo fascino! Non sono poche le persone che si lasciano infastidire facilmente dagli errori di grammatica, soprattutto se ripetuti. E, poiché non siamo più negli anni ’90, anche le abbreviazioni dovrebbero essere il più possibile bandite dai messaggi in chat.

  • Attento a non fare troppi scherzi

Gli scherzi in chat sono divertenti con gli amici, ma dovrebbero essere evitati con chi non conosci bene. Allo stesso modo, non è molto carino che l’altra persona ti faccia degli scherzi in chat. Dire cose come ad esempio “sto arrivando, sono sotto casa tua” possono scatenare tutt’altro che una risata. Tieni conto che, anche solo in una conversazione telefonica, le persone possono capire che stai scherzando dal tuo tono di voce e dalla tua postura; e, se sei bravo a mascherare lo scherzo, puoi sempre rassicurarle se vedi che reagiscono male.

In chat tutto questo è molto, molto più difficile. E, se l’altra persona si sarà offesa o spaventata, non sempre basterà dire «stavo scherzando». In chat le parole sono solo parole: e il tuo «stavo scherzando» non ha motivo di essere più reale di quello che dicevi poco prima. Non vogliamo, con questo, che tu vada in paranoia per ogni cosa che scrive: ti consigliamo semplicemente di evitare “sparate” e scherzi il più possibile.