Europa fuori dalla storia

 La Russia dichiara, senza giri di parole, che il prossimo inverno ci lascerà al freddo. E non sono minacce a vanvera, se, chiacchiere a parte, tutta l’economia europea dipende dal gas russo.

 Domanda: quali mentecatti della classe dirigente dell’EU hanno permesso di puntare tutto sul gas russo? Attenti, direi la stessa identica cosa che il gas fosse del Cile o di San Marino: mettersi in mano di uno qualsiasi è una stupidità persino peggiore di quando l’Italia si beccò l’euro a 1936,27 lire, quasi duemila.

 Come è possibile che persone in apparenza normali abbiano commesso di simili errori da tontoloni? Semplicissimo: i dirigente europei sono dominati dalla più sciocca di tutte le ideologie, quella imparata a memoria sui libri, e che predica una fede idolatra nemmeno nell’economia, nella finanza.

Fatto v’avete un dio d’oro e d’argento…

grida padre Dante in Inf. XIX; ma almeno quello era d’argento e oro; il nostro dio… no, il nostro fantasma europeo è di carta, e pure esteticamente brutta. Come hanno sragionato i geni con otto lauree? Spendiamo poco, quindi pigliamo il gas russo. Mai passò loro per la mente che la Russia (se fosse San Marino o il Cile, lo stesso!) aveva il potere del rubinetto.

 Ecco dunque il gran fallimento dell’Europa.

 Intanto continua – in verità stancamente, e anche giornali e tv la mettono in decima notizia – la guerra; e USA e i suoi vassalli, Italia inclusa, mandano all’Ucraina abbastanza armi per combattere, quindi protrarre la guerra, e non abbastanza per vincere.

 E intanto l’Europa liberaldemocratica fa la figuraccia di non esistere, di fronte al “sultano e tiranno e bieco” Erdogan, il quale conta, e molto, mentre l’Europa non conta niente.

 Conclusione: qui il problema non è stare o no con l’Europa; il problema è proprio ed esattamente l’Europa che non funziona, anzi non esiste nemmeno in economia, e figuratevi in politica estera.

 Se dobbiamo restarci, l’Europa nel senso di EU va radicalmente cambiata. A casa le belle statuine tipo Ursula; a casa gli ottusi burocrati di Bruxelles, quelli della misura delle banane; a casa i parlamentari europei, di fatto dei pensionati di lusso.

 Servono un governo autentico, con le essenziali identità di un governo autentico: politica estera e forze armate. E la NATO? Beh, non servirebbe più.

 Serve quindi una cultura nuova, anzi antichissima: ed è la politica nel senso più serio del termine.

Ulderico Nisticò

 PS: Di tutto ciò, non vedo all’orizzonte nemmeno l’ombra.