Fecero arrestare due persone mettendo droga nella loro auto, tre misure cautelari

Tre persone, Maurizio Pugliese, di 53 anni, la figlia V.P., di 32 anni, e Giuseppe Vallone, di 18 sono state destinatarie di altrettanti provvedimenti di custodia cautelare per i reati di detenzione di sostanza stupefacente, calunnia aggravata, favoreggiamento personale e falso.

Le misure emesse dal tribunale di Crotone riguardano Il provvedimento del giudice dispone la custodia in carcere per Maurizio Pugliese, che si trovava gia’ detenuto, i domiciliari per Vallone e l’obbligo di firma per la ragazza, figlia di Pugliese.

Il provvedimento scaturisce da una vicenda di stalking, reato del quale e’ accusato Pugliese, nei confronti di una giovane donna crotonese di 28 anni della quale si era invaghito sottoponendola, per oltre un anno, ad una serie di atti persecutori. Per questo, dopo un periodo di latitanza, Pugliese era stato arrestato per stalking.

Nel corso delle attivita’ investigative, intanto, era emerso che Pugliese, con la complicita’ della figlia e di Vallone, nel periodo in cui perseguitava la ragazza crotonese, aveva nascosto droga nell’autovettura di due persone vicine alla ragazza e, tramite una segnalazione telefonica, le aveva fatte arrestare. Vallone risponde anche di favoreggiamento personale in quanto, nel corso delle ricerche di Pugliese, si sarebbe adoperato attivamente per favorirne la latitanza pur non essendo legato da vincoli famigliari. A Pugliese, infine, viene contestato anche il reato di falso poiche’, al fine di sottrarsi alla cattura, si era creato un documento falso.