Femminicidio nel Friuli, l’avvocatessa rinuncia alla difesa dell’uomo: “Non posso, ho speso una vita per i diritti delle donne”

«Non posso assumere le difese di quest’uomo, dopo una vita e una carriera spese a promuovere la tutela dei diritti delle donne».

L’avvocatessa Rossana Rovere ha rinunciato all’incarico di difesa nei confronti dell’uomo di 33 anni, di origine calabrese, accusato di aver ucciso a coltellate la sua compagna a Riveredo in Piano, in provincia di Pordenone.

La legale, da sempre impegnata nella difesa dei diritti delle donne, è stata chiamata stamattina dalla Questura, in quanto indicata come avvocato di fiducia da Giuseppe Forciniti.

«Non sono serena», ha detto Rovere all’Ansa. «Non posso accettare l’incarico. L’indagato mi conosceva e ha indicato me quando gli è stato chiesto chi dovesse patrocinare la sua difesa, ma non posso accettare. In questi minuti si sta procedendo a indicare l’avvocato d’ufficio».

ARTICOLO CORRELATO: Uccide la compagna a coltellate nel Friuli, 33enne calabrese si costituisce