Fermi al controllo dichiarano di appartenere a corpo diplomatico, 4 cittadini denunciati penalmente

Volevano prendersi gioco dei Carabinieri, mettendoli in cattiva luce. Hanno dimostrato di essere invece davvero poco furbi e hanno fatto fare una bellissima figura proprio ai militari che, come si vede nel video che hanno pubblicato su Facebook, si sono comportati con autocontrollo e grandissima professionalità.

Tutto ha inizio quando i Carabinieri di una pattuglia della stazione di Monzambano ferma un’auto, per verificare perchè sia in giro, nonostante le norme contro il contagio. Qualcuno, da dentro la vettura, riprende la scena col telefonino. Nel video, poi divenuto virale su internet, si vede colui che è alla guida e si sentono le voci di un altro uomo e di due donne.

I quattro riferiscono che stanno andando a Peschiera a fare compere e poi a farsi un bel giro sul lago. Dicono di appartenere a un corpo diplomatico e di non essere soggetti alle norme stabilite dal governo italiano. Rifiutano anche di esibire i documenti e l’autocertificazione.

I Carabinieri mantengono la calma e agiscono in maniera estremamente professionale, avviando le indagini, che portano a scoprire che i quattro si trovano fuori casa senza autorizzazione e che non appartengono a nessun fantomatico corpo diplomatico.

Sono un uomo veronese di quarantatrè anni, una donna trentottenne, mantovana, un cinquantacinquenne veronese e una quarantasettenne, anche lei della città scaligera. Come si nota, dovrebbero aver raggiunto l’età della ragione tutti e quattro.

I militari li hanno sanzionati per violazione del decreto ministeriale e denunciati penalmente per resistenza a pubblico ufficiale e per aver pubblicato un video, senza autorizzazione delle persone riprese, che per giunta sono militari in servizio.