Fiat lux

luciNon faccio pubblicità, anche perché la FIAT non c’è più, e il nuovo nome è irriferibile. La luce sia, ordinò Iddio durante la creazione; e anche a Soverato, nel nostro piccolo, siamo illuminati per Natale.
Beh, che c’è di strano? Ogni anno… sì, ma questo 2015 pareva un pochino a repentaglio, la luce; e se una soluzione è stata trovata, complimenti a chi se li merita.
Intendiamoci, non è che se c’è la luce i negozi vendano di più; è però altrettanto certo che, senza la luce, vendono di meno a clienti tristi. Infatti, ha torto marcio Adam Smith con la sua idea razionalistica del commercio, e ha invece la sua buona parte di ragione Pareto con la teoria dei gusti. Ma lasciamo questi vecchi, e vediamo di parlare del commercio a Soverato, con o senza luce.
Fino a trent’anni, persino vent’anni fa, non è che Soverato fosse il migliore insediamento commerciale del Basso Ionio e Serre: era l’unico, e per forza il migliore! Nei paesi interni c’era sì e no qualche bottega polivalente, con pane, pasta e centralino telefonico. I negozi importanti erano solo a Soverato.
Nel 2015, tutto ciò è un vago ricordo di storiografia locale (ha scritto un libro Tonino Fiorita: appunto, di memorie!). Oggi non c’è piccolo paese senza supermercati eccetera; e non dico dei centri commerciali. Soverato non ha più nulla che la renda unica.
Non ha nemmeno nulla che la renda migliore, come potrebbero essere negozi specializzati: insomma, quello che si trova a Soverato, si trova anche a Badolato; e molte tipologie si trovano solo a Davoli.
Era naturale, bisognava capirlo per tempo. Oggi, luci o non luci, il commercio di Soverato va radicalmente ripensato: sfoltito di duplicati e triplicati; esaltato nella qualità.
Un corollario: il commercio non è solo passiva vendita, nel senso che un cliente entra, chiede e se non trova, saluta. Il commercio è una professione che non s’improvvisa (e quanti, negli anni 1970 e 1980 si sono inventati!), e che deve diventare un servizio, una consulenza intelligente, un’offerta ragionata secondo le esigenze del cliente reale e non di quello immaginato e sperato.
Con tutto questo, fiat lux, et lux facta est.

Ulderico Nisticò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.