Finte risse in discoteca per rubare gioielli, 20enne arrestato

I carabinieri di Gizzeria Lido nel catanzarese, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Lamezia Terme, nei confronti di G.A, 20enne lametino, accusato di furto aggravato e rapina, avvenuti all’interno dei locali da ballo siti in località Pesci e Anguille.

La misura cautelare è frutto di un’indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme che, a seguito di denunce presentate dalle vittime, avrebbe acquisito gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato, riuscendo a documentare, attraverso l’acquisizione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza delle discoteche e servizi di osservazione-controllo e pedinamento.

Le attività d’indagine condotte dai carabinieri hanno ricostruito il modus operandi dell’indagato che approfittando del gran numero di persone presenti nei locali da ballo – con l’aiuto di altri soggetti compiacenti – una volta individuate le vittime, inscenava delle liti realizzando dei veri e propri diversivi e, sfruttando le fasi concitate e confusionali del momento, strappava di dosso le collane e i monili che le vittime indossavano per poi darsi alla fuga. Il giovane è stato arrestato e tradotto nella casa circondariale di Catanzaro.